​Kathmandu nel cuore del Nepal Visita alla capitale dello Stato sul tetto del mondo

  • Tempo di lettura 3′

  • Attività

  • Kathmandu, Nepal

Mi rendo conto che quello che proporrò non è un canonico giro della città di Kathmandu in Nepal ma se c’è una cosa che amo fare arrivata in un posto nuovo, è perdermi, quindi viene da sè che non ho la piú pallide idea di dove vado a finire.

Buona parte dei palazzi è sorretta da grandi impalcature, altre sono completamente crollate lasciandoci oggi solo la possibilità di immaginare la loro bellezza. In Instagram, di fronte alla foto di una porta, un ragazzo ha commentato chiedendomi se fosse venuta prima la cornice o il muro ed in effetti oggi è difficile da dire: la ricostruzione sta procedendo cosí velocemente e nel rispetto dei materiali e delle strutture originali che alle volte non si vede quasi la differenza.

Camminando tra le stradine ci si imbatte in centinaia e centinaia di piccoli altari o addirittura templi agli angoli delle strade, anche nei luoghi più inimmaginabili. Proprio qui, proprio per via della festa, ragazzini tendono dei cordoni da un lato all’altro della strada chiedendo di pagar un pedaggio per poter passare. La mia nuova amica Pushpa, mi spiega che è una tradizione e che anche lei a sua volta lo fece quand’era piccola.

Shivaratri: la festa di Shiva a Kathmandu

La mia visita alla città si svolge il giorno della celebrazione di Shiva, il Shivaratri: le strade del centro sono strapiene di gente vestita a festa che si concentra intorno ai templi.

Tutta la zona del Narayanhiti Palace è gremita di curiosi e fedeli, mescolati tra loro creando un’unica massa colorata e proprio per questo motivo l’accesso alla piazza principale oggi è libero (di solito costa NPR500).

Monkeys Temple o Swayambhu a Kathmandu

Una visita d’obbligo è al Monkeys Temple o Swayambhu: tempio buddhista ed induista insieme che domina l’intera città. Ci si arriva da una lunghissima scalinata (o in autobus se siete pigri!) e il panorama da qua su, contornato da migliaia di bandierine colorate è davvero qualcosa di speciale.

Anche qui, parte del tempio è in ricostruzione e si possono vedere i muratori al lavoro tra fedeli che pregano e turisti che si fanno dei selfie. Come si intuisce dal nome, le scimmie non mancano e saltellano tranquille tra le colonne del tempio.

Boudha Stupa

Alla Boudha Stupa ci vado, invece, di ritorno da Nagarkot in occasione del capodanno tibetano. Non so bene che cosa aspettarmi da questa festività, cosí apro bene gli occhi e le orecchie e vedo cosa succede.
I fedeli fanno dei giri in senso orario intorno al tempio pregando, sia fuori dal suo muro perimetrale che all’interno. I monaci presenti sono moltissimi cosí come i tibetani nei costumi tipici che talvolta ricordano quelli cinesi, altre volte quello nepali.

Al calare del sole un corteo aperto dai monaci con le candele in mano ricomincia a girare tutto intorno alla cupola centrale tra incensi bruciati, canti e lumini accesi. Sarà il buio, saranno gli abiti colorati, sarà il profumo dell’incenso o ancora la danza delle fiammelle delle candele ma l’atmosfera è davvero magica.

Il volo panoramico sull’Himalaya

L’indomani mattina la sveglia é all’alba, un volo mi attende prima di quello per l’India: finalmente si va a vedere l’Everest! Rai ha, infatti, organizzato tutto per me così che io possa partire dopo aver visto le montagne.

Il volo dura circa un’ora e costa intorno ai 200,00 dollari ma vale completamente la pena: il paesaggio è da togliere il fiato e con questa immagine si chiude il mio viaggio in Nepal, domani si va a Delhi.

  • voto 5/5

  • il volo sull’Everest

  • le folle davvero importanti e a volte disordinate

Il Nepal è un luogo un po’ particolare dove organizzare un viaggio e avere informazioni dettagliate su percorsi, attività e requisiti fisici prima di partire è importante: non si scherza con la montagna. Ho sentito tante storie di agenzie senza scrupoli disposte a portar chiunque sull’Everest pur di guadagnarci (alla volte alle spalle del turista), scegliete molto bene a chi affidarvi.

Se volete un contatto affidabile potete scrivere a Raj, sono sicura che troverà la soluzione migliore per le vostre esigenze! La sua agenzia è la Adventure Mission Nepal Treks & Expedition.

2018-05-08T12:17:32+00:00 04-03-2017|0 Comments

About the Author:

Ciao, io sono Nicky! A luglio ho fatto trent'anni e proprio nel mezzo del cammin di nostra vita, ho deciso di abbandonare la selva oscura di Milano e fare il giro del mondo. La mia passione da sempre sono i viaggi e tutto quello che è effimero e temporaneo, credo che un solo momento possa cambiare una giornata. Adoro i colori e la natura che, in realtá, molte volte sono la stessa cosa e quando succede è meraviglia. Sono una Viaggiatrice, sono una persona appassionata, la logistica è il mio pane e l'onestá il mio maggior valore. Il mio maggior lusso è esser una travel blogger.

Leave A Comment