Vacanza a Singapore: cosa fare

Per molti solo uno scalo per altri un luogo di lavoro, in realtà nella piccola Singapore c’è molto altro da fare e da vedere. Ma da dove cominciare per organizzare una vacanza a Singapore? Qui qualche consiglio…

In una città-stato non ci sarà tanto da vedere o da fare… e invece…

Enjoy it

  • Mangia in un Hawker Stalls, è una via di mezzo tra un centro commerciale e un mercato, dove puoi trovare cibo di qualsiasi tipo, di qualsiasi provenienza e cibo stranissimo, il tutto ad un ottimo prezzo.

  • Nuota nell’Infinity Pool più in alto del mondo, fai la figa e passa una notte al Marina Bay Sands Hotel, se vuoi risparmiare puoi andare solo in “piscina”, vale la pena anche solo per nuotare sul tetto dell’hotel e ammirare la città a mollo delle fresche acque.

  • Visita un luogo di culto per ogni religione: un tempio, una chiesa, una moschea o anche un cimitero. Trovo molto interessante vedere come sono vissute le stesse cose da punti di vista diversi.

  • Wonder Full, buttato lì così non ti dice niente, ok, ci sono due parole invitanti ma che è? …ti aiuto: è il famoso spettacolo fatto di luce: fuoco e acqua. Lo puoi vedere tutte le sere a Singapore, proprio vicino alla statua del Merlion A.K.A la mascotte di Singapore.

  • Haji Lane, una stradina carinissima nascosta tra le strade del quartiere di Kampong Glam. Perché andarci? Perché in questa vietta dai tratti europei troverai un sacco di carinissime boutiques indipendenti, pezzi unici, di artigianato e pronti per esser buttati nella tua valigia.

  • Safari notturno: non dire subito di no. Questo è un safari, quindi gli animali sono più o meno liberi di girare in tranquillità, in più è il migliore zoo tropicale al mondo, ricorda: è sempre estate a Singapore e poi è di notte.

  • Science Centre, questo è quello che succede quando chiedi consigli a una mezza nerd… Comunque già solo l’edificio basta, ma se poi decidi di entrare scoprirai che è tutto molto bello.

Dove andare?

  • Chinatown: ex red light district è ora una strada vivace e piena di energie, una parte è agghindata per dare al turista tutto quello che si aspetta da una classica Chinatown, l’altra parte e piena di storia e negozietti, mercatini e ristoranti tipici di Singapore. Da non perdere sono: il  Buddha Tooth Relic Temple, semplificato come BTRT; la verde Jamae Mosque; lo Sri Mariamman Temple e le sue statue e il cinesissimo Thian Hock Keng Temple. Oltre ai vari templi ci sono un po’ di musei, un paio di parchi e un bel po’ di spa, una in particolare famosa per l’idroterapia del colon, in ambiente rilassante…

  • LIttle India: i colori e i profumi dell’India nell’ordinata e organizzatissima Singapore. La vera attrazione qui sono proprio le varie strade e vie di Little India, le case coloratissime e i profumi ti riporteranno in India, pur essendo quasi un’attrazione turistica Little India non ha perso il vero carattere indiano. Oltre che vagare per queste viottole alla cieca cerca lo Sri Veeramakaliamman Temple, anche se si farà di certo notare.

  • Arab Quarter: abbiamo fatto due facciamo tre, dopo l’energia di Chinatown e i profumi di Little India si va nel coloratissimo, e più tranquillo quartiere arabo. Qui potrai gironzolare tra i tipici negozietti di tessuti, gioielli, tappeti e spezie tutto rigorosamente in stile arabo, dove la contrattazione è quasi d’obbligo. Sia di giorno che la sera resterai incantata dai colori di Arab Street, un salto ci sta decisamente.

  • Gardens By the Bay: visitare questi giardini è quasi un obbligo che hai nei confronti di Singapore, lo fanno tutti e fanno bene. E’ un parco nuovissimo e modernissimo, grande in totale circa 101 campi da calcio proprio nel centro della città, diviso in tre parti: Bay South Garden, Bay East Garden e Bay Central Garden.

    • Il Bay Central Garden è il più piccolino dei tre, un bellissimo parco dove farti delle gran belle camminate, ma quasi niente in confronto a quello che ti dirò degli altri due.
    • Parliamo ora del Bay East Garden: il medio, un parco assolutamente niente male anche questo, si affaccia sulla diga Marina Barrage e al tramonto, ma un po’ anche in qualsiasi altra ora della giornata, ti da una bellissima visione dello skyline di Singapore.
    • Eccoci finalmente al parco più grande e figo il Bay South Garden: è quello con il Supertree. Tre strutture, che possono vagamente ricordare l’albero della vita dell’expo milanese, su queste, però, ci puoi salire. La cosa più bella e importante è il Conservatorio: qui non suonano ma sono enormi serre che conservano, appunto, piante e addirittura ecosistemi provenienti un po’ da tutto il mondo, quello che sono riusciti a mettere in una serra ti lascerà a bocca aperta; oltre a queste due più importanti strutture da vedere c’è anche il Children’s Garden, il Horticultural Themed Gardens e il Flowers Market.
  • TreeTop Walk: per scappare dalla città c’è la riserva MacRitchie dove su un ponte sospeso a 25 metri dal terreno potrai camminare tranquillamente sopra e tra gli alberi, una visione sulla natura unica e imperdibile.

Leggi la prima parte dell’articolo

ASCOLTA UN AMICO

Quando viaggiate, non vi affidate anche voi più volentieri ai consigli di un amico appassionato di viaggio piuttosto che ad una guida turistica?
Beh, anch’io ed è proprio da questa idea che nasce la rubrica Ascolta un amico dove sarà proprio lui (o lei) a darmi qualche dritta per esser sicura di non perdermi proprio niente.

2017-05-20T07:30:07+00:0020-05-2017|0 Comments

About the Author:

Ciao! Sono Vania, ho 29 anni adoro sapere cose, creare cose, unicorni e teschi. Vivo tra Milano con il mio bellissimo ed enorme gatto Bill Murray, due umani e due pesci e le mie montagne sulle Dolomiti, dove scappo appena ho tempo, soprattutto quando posso passare il tempo sul mio snowboard. Sfruttando le conoscenze acquisite dopo puntate su puntate di documentari di viaggio e antropologia che fin da piccola spesso preferivo ai cartoni animati, aiuterò Nicoletta Paese per Paese dandole un'idea generale di dove si troverà.

Leave A Comment