Il cammino di Santiago laico Da Porto a Santiago per metter a fuoco obbiettivi, desideri e ritrovare l'equilibrio

Il cammino di Santiago ha rappresentato per secoli una meta per i pellegrini di tutta Europa che si recavano al Santuario di Santiago per rendere omaggio a Giacomo il Maggiore che si dice essere sepolto qui dopo esser stato decapitato di ritorno in Palestina. Oggi continua nella sua valenza religiosa ma anche in una più laica legata alla ricerca personale, alla bellezza naturale e si, purtroppo, anche alla moda.

Non credo in dio ormai da tanti anni anche se non posso che ammettere di aver provato un certo nodo alla gola quando in questo ultimo anno ho varcato la soglia di luoghi di culto molto diversi tra loro. Ricordo la sensazione fortissima provata nel tempio sotterraneo di Pokhara in Nepal, lo stupore disarmante dato dalla bellezza della chiesa in legno di Chiloè in Chile, l’emozione esplosiva nel perdere lo sguardo tra i mille dettagli della Sagrada Familia a Barcellona o la sensazione di paura camminando tra quello che rimane della chiesa nera di San Michele ad Amburgo.

Non so spiegare cosa sia, non saprei dirvi se sia la presenza di dio, l’alone di morte che ha macchiato tanti di questi luoghi o semplice soggezione, so solo che pure io e la mia anima laica abbiamo abbassato la testa e stretto le mani in una preghiera disordinata e probabilmente poco consona ma rispettosa e silenziosa in questi luoghi.

Ho pianificato questo viaggio diversi mesi fa ma ora arriva in un momento che più giusto non potrebbe essere: oggi, infatti, mi sento persa un po’ come quel signore che proprio all’alba dei trent’anni si ritrovò in una selva oscura senza saper bene che direzione prendere.

Negli ultimi due anni così tante cose sono cambiate, così tante volte mi sono sentita come ora a forza di scommesse su scommesse, di instabilità costante, di occhi chiusi, passi a vuoto e nel vuoto che alle volte erano danza, altre lacci annodati male.

Certo che vorrei davvero tanto avere un dio al mio fianco, qualcuno a cui affidarmi, su cui scaricare un po’ delle responsabilità che mi pesano sulle spalle e con cui parlare quando mi sento così sola nella mia eccessiva indipendenza, ma ci siamo detti addio all’ennesima giustifica sul diario per lutto al liceo e non abbiamo mai davvero fatto pace.

Nell’ultimo anno, con la sovraesposizione a emozioni, esperienze, eventi tante volte ho sentito la presenza prepotente di quell’equilibrio che tutto governa, poi come questo si chiami sinceramente non lo so ma ho imparato a rispettarlo per forza quando la morte mi ha sfiorato la guancia in Nuova Zelanda ed a fidarmi quando negli Stati Uniti di notte non avevo altra scelta che rischiare sfiorando con il van il bordo del precipizio per mettermi in salvo.

Il mio sarà un cammino laico, un cammino per darmi il tempo di scegliere quale sia la strada che voglio per la mia vita perchè ultimamente sto mettendo in discussione così tante cose che dopo aver buttato tutto in aria di nuovo devo rimettere ordine e scegliere cosa tenere e cosa buttare.

Chissà se come per il nostro amico di poco fa avrò anch’io una guida che mi accompagnerà in quei primi giorni, probabilmente i più duri, o se al solito dovrò far tutto da sola. Amo l’idea del silenzio dei boschi, del rumore del mare contro le falesie, dello scricchiolio dei sassolini sotto le mie scarpe ma in questi ultimi giorni mi sono trovata a questionare questa mia costante solitudine e desiderare fortemente qualcuno a cui appoggiarmi, almeno per un po’.

Forse meriterei anch’io po’ di riposo a quella forza per cui tutti mi conoscono e su cui tutti fanno affidamento quando hanno un problema, quando semplicemente vogliono scrollarsi un po’ di negatività di dosso o quando decidono di lasciarmi alle mie cose che “tanto lei ce la fa anche da sola”.

È così terribilmente faticoso essere forti e praticamente impossibile esserlo sempre, credo sia importante accettarsi anche e soprattutto nelle debolezze, nei giorni no, nei difetti e in quel nervosismo ingiustificato che ogni tanto ci fa saltare senza motivo per delle sciocchezze. Sono umana anch’io ed ho bisogno come tutti talvolta di un po’ di riposo e di due braccia che mi stringano forte così da frenare la caduta.

Mi basterebbe un Virgilio, non pretendo anche una Beatrice, solo qualcuno che mi indichi la strada e mi aiuti a scegliere le pietre su cui appoggiare i miei piedi che ogni giorno saranno sempre più stanchi, feriti ma forti insieme e fieri dei chilometri percorsi.

Ora il mio pensiero è allo zaino, ai vestiti da infilarci e come sceglierli. Probabilmente i miei vestitini non mancheranno e non per ragioni diverse dalla mera praticità: un unico pezzo per essere completamente vestita, leggeri così da asciugarsi nel vento in poche ore e tenermi fresca ad affrontare il sole di fine estate. Mi fa un po’ ridere il pensiero degli scarponi da montagna con i vestitini ma poi mi ricordo che sono in Portogallo e sono sicura che non farò poi così scandalo.
Sono quasi pronta, ho tutta una lista di cose a cui in tutte quelle ore di silenzio, ora è solo il momento di lasciare per l’ennesima volta una vita per iniziarne un’altra senza guardarmi mai indietro: c’è un capito importante da chiudere e mi sembra il modo migliore. Nessun rimpianto, la strada riprende ora ed è ora che devo ritrovare me stessa.

Tu hai fatto il cammino di Santiago? Hai qualche suggerimento da darmi? Scrivimi nei commenti =)

2018-09-01T18:31:44+00:00 31-08-2018|3 Comments

About the Author:

Ciao, io sono Nicky! A luglio ho fatto trent'anni e proprio nel mezzo del cammin di nostra vita, ho deciso di abbandonare la selva oscura di Milano e fare il giro del mondo. La mia passione da sempre sono i viaggi e tutto quello che è effimero e temporaneo, credo che un solo momento possa cambiare una giornata. Adoro i colori e la natura che, in realtá, molte volte sono la stessa cosa e quando succede è meraviglia. Sono una Viaggiatrice, sono una persona appassionata, la logistica è il mio pane e l'onestá il mio maggior valore. Il mio maggior lusso è esser una travel blogger.

3 Comments

  1. Karin settembre 1, 2018 at 7:47 am - Reply

    Ciao Nicky….forza forza e ancora forza! Vedrai il cammino sarà una bellissima esperienza personale che ti aiuterà a trovare le risposte che cerchi. Durante il cammino conoscerai persone che saranno il tuo Virgilio per qualche ora o per qualche km…. sopratutto credo che (ri)troverai anche il Virgilio che è in te. Ritroverai forza e spirito.
    Ti auguro Buon Cammino! Salutami Virgilio 🙂

  2. Fabrizio settembre 10, 2018 at 2:40 pm - Reply

    Cara Nicky. Daje. Io sono credente e so che quell’afflato che traspare dal post è spirito santo, anche se i più rideranno di ciò. Non avere fretta e segui il tuo cuore. Di una cosa però sii cosciente: innovare, cambiare, crescere dopo aver buttato tutto (come dici tu) è la cosa che meglio dai fare. Sono in tanti ad accompagnarti, non solo noi followers. ?

  3. Paola Paccoi settembre 20, 2018 at 10:27 am - Reply

    Che bello! Il prossimo anno penso proprio di fare anch’io questa esperienza… ti farò sapere!

Leave A Comment